Cosa fa un buon rappresentante d’istituto?

Ci sono parole, frasi, espressioni che come inchiostro indelebile rimarranno per sempre nella mente di un giovane studente. Una di queste è senza dubbio ‘Domani interrogo’. 

Un’altra è sicuramente ‘Rappresentante di istituto’. Sì, perché con queste tre parole spesso si va ad indicare lo studente o la studentessa più popolare della scuola, quell* conosciut* da tutti, carismatic*, e magari anche temut* da molti proprio per la sua popolarità e determinazione. 

Eppure i rappresentanti di istituto non hanno solo grandi responsabilità: a loro va riconosciuto quello straordinario potere organizzativo di riuscire a portare, per esempio, all’interno della scuola i più grandi personaggi del momento o di pianificare eventi diurni o notturni nei locali più vip della tua città. Ci avevi mai pensato?

Leggendo questo articolo capirai che tutti possono fare il rappresentante di istituto proprio perché il rappresentante ideale non esiste. Non importa che tu sia timido o espansivo, se sei pronto a metterti in gioco e a dare il massimo, esalterai sicuramente tutte le tue qualità dando il meglio di te ai tuoi studenti. E se per caso dovesse piacerti farlo, vedrai quanta dedizione e passione ci metterai! Non importa infatti quanto tempo dedicherai a questa attività: sarà una tua scelta e con un team giusto al fianco lavorai meglio e andrai lontano. 

Ti forniamo dunque alcuni piccoli consigli grazie ai quali se vorrai, potrai prendere spunto per la tua futura carriera da rappresentante di istituto

Assemblee di istituto…fondamentali ma come fare per non renderle noiose?

Chiama ospiti di spessore, importanti, quelli del momento. Potrai coinvolgere anche altre scuole d’Italia se lo vorrai. Fatti aiutare da altri studenti, magari da un gruppo selezionato che ha voglia di mettersi in gioco come te e di dare il proprio contributo per la buona riuscita dell’evento. Prima di fare ciò però è fondamentale scegliere un tema da affrontare: da questo dipenderà la scelta del relatore che potrà partecipare in presenza o in call da tutte le parti del mondo. Non male no?

 

Hai bisogno di supporto per organizzare la tua Assemblea di Istituto?
Possiamo aiutarti in tutto il processo, dalla ricerca dell’ospite a tutta la logistica dell’evento.

Stringi quante più collaborazioni possibili

Se la tua scuola ha tante classi, potresti trovarti di fronte a quella tremenda calamità chiamata ‘mancanza di spazio e di posti a sedere’ per i tuoi studenti. Ti toccherà allora trovare un luogo alternativo per organizzare l’assemblea di istituto. Cinema, teatri, ristoranti, sono tutti luoghi consoni all’evento! Cerca allora di stringere quante più collaborazioni possibili e di aprire un dialogo anche con associazioni culturali, sportive o enti pubblici. Non sai mai cosa potrebbe tornarvi utile!

 

Sito internet studentesco: un miraggio?

Ahinoi, solo poche scuole in Italia hanno investito in un sito internet studentesco. La bella notizia è che si può sempre migliorare! Se farete capire a tutti infatti che ne vale la pena, il sito internet sarà il vostro palcoscenico sul quale organizzare gruppi di studio, creare sezioni per condividere appunti, pubblicare annunci o avere aule streaming utilissime per le assemblee di istituto. E ancora per lanciare sondaggi, forum interattivi, per fare richiami etc. Insomma, per tutto. 

 

Segreto: le idee semplici spesso battono quelle geniali

Proponi al consiglio di istituto idee semplici che possono nascere da banali esigenze quotidiane. Il miglioramento degli impianti scolastici, un erogatore d’acqua – grande idea ecosostenibile che però richiede l’approvazione del consiglio di istituto e una gara d’appalto – un distributore di assorbenti basato sul baratto (oggi ne prendo uno io e domani lo restituisco). Potrai suggerire di organizzare un torneo sportivo tra scuole, un talk su tematiche ambientali o – perché no! – una fashion week, un Xfactor o un Got Talent amatoriale. E ancora un mercatino di libri per incentivare la lettura, una festa di istituto nel migliore locale della tua città (Regole Covid-19 permettendo eh!). Organizzare incontri pubblici con enti nazionali come istituti no-profit, o con collettivi culturali. Ricorda infatti che le pù grandi idee sono le più semplici. 

 

Merchandising e annuari: una scuola è per sempre

Capiterà che quando avrete finito le scuole superiori, un giorno inaspettato vi prenderà la nostalgia di quei giorni passati tra i banchi. E magari vi si sbloccheranno dei ricordi dopo aver trovato la felpa con il nome della vostra scuola o l’annuario del primo anno. Promuovere infatti la diffusione di oggetti di merchandising o annuari stimola gli studenti a fare gruppo, a sentirsi parte di uno stesso sistema o a versare una lacrimuccia quando entrerete nel magico mondo degli adulti.

 

Gibi da oltre 5 anni affianca i rappresentanti d’istituto per la realizzazione del merchandising scolastico.
Richiedi tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Un piede nel futuro: i percorsi di alternanza scuola lavoro

Le scuole superiori sono l’anello di congiunzione tra l’adolescenza e l’età adulta. Dalla tua scelta universitaria probabilmente dipenderà buona parte della tua carriera professionale. Avvicinarsi fin da subito al mondo del lavoro in un mondo diverso da solito, partecipando per esempio a grandi eventi organizzati da enti nazionali, potrebbe essere un modo nuovo per portare avanti i PCTO – Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento ( Alternanza scuola-lavoro suvvia!). 

 

E se dopo tutti questi consigli ancora ti attanaglia la paura di poter perdere le elezioni o di non essere all’altezza… pensa a questa celebre frase dello scrittore Orson Scott Card: «Se ci provi e perdi, non è colpa tua. Ma se non provi e perdi, allora è tutta colpa tua». 

 

 

Author avatar
Giulia Donnarumma

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa.